LOGO MONTI01
  • Studio Tributario Monti CHAGALL11
  • Studio Tributario Monti CHAGALL04
  • Studio Tributario Monti CHAGALL03
  • Studio Tributario Monti CHAGALL09
  • Studio Tributario Monti CHAGALL07
  • Studio Tributario Monti CHAGALL10
  • Studio Tributario Monti CHAGALL05
  • Studio Tributario Monti CHAGALL06
  • Studio Tributario Monti CHAGALL01
  • Studio Tributario Monti CHAGALL02
  • Studio Tributario Monti CHAGALL08

CASSAZIONE 23065-15 OPERAZIONI INESISTENTI

In tema di IVA, il diritto alla detrazione non può prescindere dalla regolarità delle scritture contabili ed in specie della fattura, documento idoneo a rappresentare un costo dell'impresa. Pertanto, qualora l'Amministrazione finanziaria contesti al contribuente l'indebita detrazione di fatture, relative ad operazioni inesistenti, spetta alla stessa, adducendo la falsità del documento e quindi l'inesistenza di un maggior imponibile, provare che l'operazione commerciale in realtà non è stata mai posta in essere, anche attraverso elementi presuntivi, che il giudice tributario di merito, investito della controversia sulla legittimità e fondatezza dell'atto impositivo, è tenuto a valutare, singolarmente e complessivamente; solo qualora li ritenga dotati dei caratteri di gravità, precisione e concordanza, consentirà al contribuente, che ne diviene onerato, di provare l'effettiva esistenza delle operazioni contestate.