LOGO MONTI01
  • Studio Tributario Monti CHAGALL01
  • Studio Tributario Monti CHAGALL02
  • Studio Tributario Monti CHAGALL03
  • Studio Tributario Monti CHAGALL05
  • Studio Tributario Monti CHAGALL10
  • Studio Tributario Monti CHAGALL09
  • Studio Tributario Monti CHAGALL07
  • Studio Tributario Monti CHAGALL04
  • Studio Tributario Monti CHAGALL11
  • Studio Tributario Monti CHAGALL08
  • Studio Tributario Monti CHAGALL06

Sentenze Consulenza

CORTE DI CASSAZIONE 18725/2017 NULLA LA LIBERALITA’ INFORMALE IN MANCANZA DI ATTO PUBBLICO

Il trasferimento per spirito di liberalità di strumenti finanziari dal conto deposito titoli del beneficiante a quello del beneficiario realizzato a mezzo banca, attraverso l’esecuzione di un ordine di bancogiro impartito al disponente è configurabile come donazione tipica ad esecuzione indiretta. Ciò comporta che la stabilità dell’attribuzione patrimoniale presuppone, a pena di nullità, necessariamente la stipulazione dell’atto pubblico di donazione tra beneficiante e beneficiario, salvo che ricorra l’ipotesi di donazione di modico valore.

Download  Cass SS UU 18725_2017

CASSAZIONE 23065-15 OPERAZIONI INESISTENTI

In tema di IVA, il diritto alla detrazione non può prescindere dalla regolarità delle scritture contabili ed in specie della fattura, documento idoneo a rappresentare un costo dell'impresa. Pertanto, qualora l'Amministrazione finanziaria contesti al contribuente l'indebita detrazione di fatture, relative ad operazioni inesistenti, spetta alla stessa, adducendo la falsità del documento e quindi l'inesistenza di un maggior imponibile, provare che l'operazione commerciale in realtà non è stata mai posta in essere, anche attraverso elementi presuntivi, che il giudice tributario di merito, investito della controversia sulla legittimità e fondatezza dell'atto impositivo, è tenuto a valutare, singolarmente e complessivamente; solo qualora li ritenga dotati dei caratteri di gravità, precisione e concordanza, consentirà al contribuente, che ne diviene onerato, di provare l'effettiva esistenza delle operazioni contestate.

CASSAZIONE 5400-16 OPERAZIONI INESISTENTI

Ove l'amministrazione finanziaria contesti l'indebita detrazione di fatture in quanto afferenti ad operazioni inesistenti spetta al contribuente l'onere di provare la legittimità dell'operazione dimostrando, in particolare, di aver adottato tutte le misure ragionevoli in suo potere al fine di assicurarsi che la stessa non rientri in un più ampio disegno frodatorio. Pertanto, quando costui non è in grado di assolvere tale onere, in grado cioè di giustificare la detrazione, questa deve ritenersi idebita e l'Ufficio legittimamente provvederà a recuperare a tassazione le imposte irritualmente detratte.